Calamari in pastella

Questi non necessitano di presentazioni,sono un classico al quale non si resiste  Ma vediamo come si ottengono questi preziosi e dorati anelli fragranti con un cuore tenero e gustoso ! Il consiglio è di non acquistare mai calamari già eviscerati e puliti,il processo industriale rovina il prodotto .Usare questa pastella per ciò che preferite .

Ti è piaciuta la ricetta ? Seguimi anche su fb cliccando qui  Magie ai fornelli  e spuntando  le voci “mi piace” e “ricevi le notifiche ”  non perderai alcuna novità !

Ingredienti per 4 : 1 kg di calamari da pulire –  latte per il bagno dei calamari (saranno più teneri ) – farina “oo ” 200 gr  – farina di mais  gr 100 – 1 uovo  – gr 10 di lievito di birra  – gr 300 di birra  fredda – olio pe rfriggere

Procedimento :  Mettiamo a bagno  nel latte in frigo  i calamari puliti e tagliati ad anello. In una terrina misceliamo le farine e il lievito sbriciolato, aggiungiamo l’uovo battuto e la birra,la pastella deve risultare non troppo liquida,non versatela tutta in una volta così potete regolarvi,Non rimestatela troppo,giratela velocemente ,lasciatela a riposo coperta per 1 ora dopodichè procediamo togliendo i calamari dal bagno di latte,asciugandoli benissimo con la carta assorbente e li intingiamo nella pastella per poi immergerli e friggerli  in abbondante olio bollente (ma non fumante ),devono essere dorati,scolate su carta assorbente o meglio carta paglia e salate subito .

finger food, Secondi, secondi di pesce , , , ,

Informazioni su magie ai fornelli

Benvenuti tra i miei fornelli ! Ex stilista di moda,provengo da studi artistici,l'interesse per l'arte in tutte le sue forme non mi ha mai abbandonato ma anche l'amore per l'arte culinaria ha avuto il suo corso fino a diventare cuoca in affitto e poi foodblogger, dando vita a Magie ai fornelli. La mia è una cucina "tradizionalmente moderna" dove si intrecciano gusto e creativita' attraverso una ricerca e selezione di prodotti e materie prime dello spendido territorio italiano e soprattutto Campano che impiego nel dolce,nel salato e nei lievitati. Nutro un grande rispetto per la tradizione ma non disdegno di sperimentare accostamenti e sapori nuovi, inoltre ho una forte debole per il vegetale e l'esotico,partecipo ad eventi e programmi televisivi.Insomma ... magicamente sono un po' ovunque con le mie alchimie di cucina !

Precedente Polenta con baccalà Successivo Tris di cuori dolci – senza glutine