Come fare la piada sfogliata

 La piada sfogliata si differenzia dalla piadina classica per la modalità di esecuzione, gli ingredienti sono gli stessi, ma come spesso avviene in cucina e particolarmente in campo pasticceria, l’esecuzione è importante in quanto fa la differenza nei risultati.
Nulla di troppo difficile, per fare la piada sfogliata occorrerà solo un po’ di tempo in più, ma il risultato a mio giudizio è molto più buono; otterrete quella sfogliatura friabile  stratificata e di consistenza meno gommosa diciamo.
Le versioni sono due, quella marchigiana detta anche “Crescia ” tra  gli ingredienti ha anche le uova, io preferisco questa senza.
Ti è piaciuta la ricetta ? Seguimi anche su fb cliccando qui  Magie ai fornelli  e spuntando  le voci “mi piace” e “ricevi le notifiche ”  non perderai alcuna novità !

 

Ingredienti per ½ kg. di impasto per piadina :

500 gr. di farina 00
100 gr. di strutto
7 gr. di sale
150 gr. di acqua calda o latte o metà acqua e metà latte
7 gr. bicarbonato

Procedimento: Facciamo scaldare il latte con parte dello strutto, facciamo sciogliere. Nella ciotola mettiamo la farina che si usa per la frolla, il sale, il bicarbonato, mescoliamo e aggiungiamo il latte caldo ma non bollente.Impastare farina, olio, sale, acqua fino ad ottenere un impasto morbido,formare delle palline della grossezza di un mandarino. Lasciarle riposare, coperte da un panno per non farle seccare, per almeno un’ora.

Passato questo tempo stendere le palline col matterello aiutandosi con altro olio. Devono diventare molto sottili. Spalmare ogni piada con lo strutto e arrotolarla su se stessa per ottenerne un rotolo che si chiuderà a forma di chiocciolina. Lasciarla riposare ancora (un’altra ora come minimo), affinché lo strutto, sciogliendosi, “sposi” l’impasto.
Ora è il momento della seconda tirata di matterello.
Anche questa volta ci si aiuta con l’olio o strutto, perché la piada deve diventare sottilissima.
Una volta pronta, si stacca ogni piada dal tagliere prendendola con le due mani e si posa con delicatezza sul testo (la piastra di ghisa o di terracotta che si usa in Romagna per cuocere la piadina), che deve essere rovente, cuocere pochi minuti per lato, non deve seccare.

 

Antipasti e stuzzichini

Informazioni su magie ai fornelli

Benvenuti tra i miei fornelli ! Ex stilista di moda,provengo da studi artistici,l'interesse per l'arte in tutte le sue forme non mi ha mai abbandonato ma anche l'amore per l'arte culinaria ha avuto il suo corso fino a diventare cuoca in affitto e poi foodblogger, dando vita a Magie ai fornelli. La mia è una cucina "tradizionalmente moderna" dove si intrecciano gusto e creativita' attraverso una ricerca e selezione di prodotti e materie prime dello spendido territorio italiano e soprattutto Campano che impiego nel dolce,nel salato e nei lievitati. Nutro un grande rispetto per la tradizione ma non disdegno di sperimentare accostamenti e sapori nuovi, inoltre ho una forte debole per il vegetale e l'esotico,partecipo ad eventi e programmi televisivi.Insomma ... magicamente sono un po' ovunque con le mie alchimie di cucina !

Precedente Rigatoni con ricotta alla crema di aglio nero, pomodori verdi pane tostato Successivo La raccolta di ricette per Pasqua