I Falafel

Di tanto in tanto si sa un giretto in oriente lo devo fare… spezie e ricette del medioriente,non solo, sono il mio debole 🙂 . Questa volta vi propongo gli squisiti Falafel di origine araba,da quando li ho assaggiati la prima volta è stato amore a primo morso ! Ormai sono molto conosciuti ed apprezzati anche in Europa dove sono stati introdotti dalle rosticcerie turche come alternativa vegetariana al kebab.  Sono una pietanza molto semplice,costituita da crocchette  fritte e speziate a base di legumi, tra cui i più utilizzati sono le fave, i ceci e i fagioli tritati con cipolla, aglio, cumino e coriandolo. I falafel sostituivano la carne nei giorni del digiuno dei copti egiziani. Il termine tradotto dal copto significava letteralmente ‘con tanti fagioli’.C’è da dire che non tutti i falafel sono uguali,come per tante pietanze, le ricette possono differire un po’ e quindi il risultato cambia,infatti le ho gustate in luoghi diversi e non sempre le ho apprezzate in pieno,a volte sembrava mancasse quel qualcosa di speciale a completarla.Questa ricetta è quella testata da me ,come tutte le ricette del resto ) e opportunamente lievemente modificata nelle proporzioni così ho raggiunto quell’esatto equilibrio di spezie che dona quella nota particolare e caratteristica ai falafel.Tanto per cominciare l’impiego dei ceci avviene a crudo,lo preciso così fugo ogni sorta di dubbio al riguardo altrimenti il risultato non è lo stesso sia come consistenza che come sapore,in secondo luogo meglio procurarsi le spezie che occorrono perchè ometterle significa non mangiare i gustosi falafel.Per il resto seguite le semplici istruzioni,sono molto veloci da preparare. Vanno consumati caldi e serviti accompagnati da verdure e salsa yogurt o salsa thaina (a base di sesamo ) Buon viaggio nel gusto ! 🙂

Ti è piaciuta la ricetta ? Seguimi anche su fb cliccando qui  Magie ai fornelli  e spuntando  le voci “mi piace” e “ricevi le notifiche ”  non perderai alcuna novità !

falafel

Ingredienti per circa 25  falafel :  Ceci secchi gr 500  (mai in scatola precotti ) – un mazzetto grande di prezzemolo  tritato – aglio 4 spicchi  – 2 cipolle medie  – 2 cucchiaini  da caffè di cumino in polvere( io ho usato Cannamela ) – coriandolo in polvere 1 cucchiaino e mezzo io ho usato Cannamela  – sale  – pepe – olio per friggere (io ho usato Dante olio di arachide )

Procedimento : Mettete in ammollo i ceci la sera, seguite il procedimento come descritto clicca qui -> come ottenere ceci morbidi Il giorno seguente o comunque dopo un dodici ore,scoliamo i ceci e asciughiamoli molto bene,se si riesce eliminiamo la pellicina,mettiamo in un mixer con le cipolle affettate,e gli spicchi di aglio,frulliamo fino ad ottenere un composto omogeneo e fine,aggiungiamo il sale il pepe , il prezzemolo trito,il cumino e il coriandolo frulliamo ancora fino ad ottenere un impasto un po’ verde,spegniamo e facciamolo riposare un oretta (io le ho fatte anche senza riposo ) dopodichè formiamo dei cilindri aiutandoci e stringendoli con la pellicola,lasciamo un poco in forma poi andremo a tagliarli in fette spesse circa mezzo centimetro ,comunque non troppo sottili si spezzerebbero. Se l’impasto dovesse risultare troppo lento (non dovrebbe ) aggiungete poca farina o pane grattugiato in modo che l’umidità in eccedenza venga assorbita. Friggiamo in abbondante olio bollente fino a quando risultano croccanti e colorati .

Il vassoio di ardesia è stato lavorato  dalla ditta Cas. Mar. specializzata in lavorazione del marmo e  intarsi artistici,visitate il sito http://www.lavorazionemarminapoli.it/

Antipasti e stuzzichini, finger food, Pizze e rustici, Secondi, secondi di verdure e ortaggi , , ,

Informazioni su magie ai fornelli

Benvenuti tra i miei fornelli ! Ex stilista di moda,provengo da studi artistici,l'interesse per l'arte in tutte le sue forme non mi ha mai abbandonato ma anche l'amore per l'arte culinaria ha avuto il suo corso fino a diventare cuoca in affitto e poi foodblogger, dando vita a Magie ai fornelli. La mia è una cucina "tradizionalmente moderna" dove si intrecciano gusto e creativita' attraverso una ricerca e selezione di prodotti e materie prime dello spendido territorio italiano e soprattutto Campano che impiego nel dolce,nel salato e nei lievitati. Nutro un grande rispetto per la tradizione ma non disdegno di sperimentare accostamenti e sapori nuovi, inoltre ho una forte debole per il vegetale e l'esotico,partecipo ad eventi e programmi televisivi.Insomma ... magicamente sono un po' ovunque con le mie alchimie di cucina !

Precedente Torretta di melanzane e patate Successivo Torta salata tonno e cipolle