Crea sito

La zuppa inglese

La zuppa inglese è un dolce al cucchiaio,molto antico  simile al tiramisù, appare nella cucina della zona di Bologna, Parma, Modena, Forlì, Ferrara, Ravenna e Reggio Emilia nell’Ottocento, è a strati,a base di pan di Spagna, imbevuto di  liquori principalmente alchermes e crema pasticcera.La sua origine non è certa, ma la sua denominazione lascia pensare ad una derivazione della cucina inglese del periodo elisabettiano. Originalmente era costituita  di una base di pasta morbida lievitata, intrisa di vino dolce (infusi, poi madeira, porto o simile) arricchita di pezzetti di frutta, o frutti di bosco, e coperta da crema pasticcera .Il dolce è d’uso prepararlo in un contenitore trasparente,di modo che si possa apprezzare la sua caratteristica stratificazione di colore rosato,va tenuto in frigo di mdo che possa compattarsi e preservare la freschezza degli ingredienti.Nella versione moderna troviamo molto spesso l’aggiunta di crema al cioccolato oltre a quella pasticcera. 

Qui io ho preparato la versione napoletana,che è apprezzata moltissimo,la variante prevede oltre alla crema pasticcera delle amarene.La meringa di copertura completa il tutto .

Ti è piaciuta la ricetta ? Seguimi anche su fb cliccando qui Magie ai fornelli e spuntando le voci “mi piace” e “ricevi le notifiche ” non perderai alcuna novità !

zuppa inglese

zuppa inglese

Ingredienti per una zuppa inglese di circa 24 cm di diametro :  Un pan di spagna di cm 26 alto un paio di ta e tagliato i 3 dischi – gr 500 di crema pasticcera   abbastanza corposa  – amarene sciroppate

Bagna : sciroppo fatto di 300 gr di acqua – 150 ml di alchermes – un paio di cucchiai di rum -Facciamo bollire acqua e zucchero e aggiungiamo i liquori,lasciarla raffreddare prima dell’utilizzo .

Per la meringa gr 250 di albume  – 100 ml di acqua  –  gr 100 di zucchero  – gr 350 di zucchero –   Fate cuocere acqua e i 350 grammi di  zucchero a 121° C, poi versate sugli albumi semimontati con 100 gr di zucchero; montate fino a quando sarà spumosa e sostenuta fino a raffreddamento. Questo processo serve per pastorizzare gli albumi,che diversamente sarebbero pericolosi da consumare crudi .

Procedimento : In una forma a cupola ( o quella che desiderate,anche una semplice pirofila ,tenendo conto però che nel caso non aveste il cannello per fiammeggiare la superficie,deve anche poter andare in forno );sistemate il pan di spagna tagliato a spicchi,foderando così il contenitore scelto (nel caso si è scelta la pirofila basta disporre uno strato orizzontale) inzuppiamo il pan di spagna con la bagna al liquore stendiamo uno strato di crema disponiamo delle amarene e copriamo con un disco di pan di spagna tagliato a misura ,ripetiamo l’operazione con la bagna ,la crema e le amarene,chiudiamo con altro disco,bagnate anche l’ultimo disco ,che sarà la base ,poichè verrà capovolto dopo il riposo in frigo . Chiudiamo con pellicola e mettiamo in frigo per tutta la notte ,dopodichè collocheremo sulla superficie un vassoio tondo capovolto, un po’ più grande del contenitore scelto, gireremo il contenitore in modo da sformare la zuppa inglese ottennendo una cupola che decoreremo a piacere con la meringa preparata ed inserita in un sacco a poche o siringa per dolci ,e fiammeggeremo  con un cannello:Se non possedete un cannello potrete metterlo in forno a 60° e modalità grill affinchè asciughi un po’ e la superficie risulti bruciacchiata

Consiglio : Se dovete metterelo in forno,sarà più adatta una superficie piatta,perchè una volta messa in forno la forma a cupola ,la bruciacchiatura non risulterà omogena .

Ti è piaciuta la ricetta ? Seguimi anche su fb cliccando qui  Magie ai fornelli  e spuntando  le voci “mi piace” e “ricevi le notifiche ”  non perderai alcuna novità !

Tags:, , , ,

Autore:magie ai fornelli

Benvenuti tra i miei fornelli ! Ex stilista di moda,provengo da studi artistici,l'interesse per l'arte in tutte le sue forme non mi ha mai abbandonato ma anche l'amore per l'arte culinaria ha avuto il suo corso fino a diventare cuoca in affitto e poi foodblogger, dando vita a Magie ai fornelli. La mia è una cucina "tradizionalmente moderna" dove si intrecciano gusto e creativita' attraverso una ricerca e selezione di prodotti e materie prime dello spendido territorio italiano e soprattutto Campano che impiego nel dolce,nel salato e nei lievitati. Nutro un grande rispetto per la tradizione ma non disdegno di sperimentare accostamenti e sapori nuovi, inoltre ho una forte debole per il vegetale e l'esotico,partecipo ad eventi e programmi televisivi.Insomma ... magicamente sono un po' ovunque con le mie alchimie di cucina !

I commenti sono chiusi.