Risotto al radicchio trevigiano e Taurasi

Adoro i risotti,sono versatili si prestano a mille preparazioni e riescono molto spesso bene sia con ingredienti di natura povera che  con quelli di pregio, per questa volta ho deliziato il palato impiegando ingredienti di gran qualità,il radicchio trevigiano  ed il vino Taurasi di Villa Raiano , un vino rosso di lungo invecchiamento ottenuto da uve Aglianico 100% e affinato  in botti di rovere. Sebbene in genere lo si abbina a cacciagione e carni in genere ho voluto impiegarlo anche nel mio risotto al radicchio,e direi che il risultato è stato ottimo,accanto al risotto una nota di yogurt greco,ha completato questo fantastico piatto .

Ti è piaciuta la ricetta ? Seguimi anche su fb cliccando qui  Magie ai fornelli  e spuntando  le voci “mi piace” e “ricevi le notifiche ”  non perderai alcuna novità !

risotto al radicchio  e Taurasi

Ingredienti per 4 : gr 300 di riso Carnaroli  –  mezzo cespo di radichio trevigiano (si distingue per le  foglie lunghe ) – 1 cipolla  rossa media  – 1 litro di brodo vegetale  già salato  – 300 ml di vino rosso Taurasi    –  3 cucchiai Olio extrav.o. io ho usato Dante – 1 noce di burro  – gr 200 di yogurt greco

Procedimento : In una casseruola facciamo appassire lentamente la cipolla affetttata al velo nel burro e olio,uniamo il radicchio tagliato lasciamo cuocere un minuto  alziamo la fiamma uniamo il riso e facciamolo tostare rimestando,quando sarà traslucido e ben intriso dei grassi uniamo il vino,continuiamo la cottura e aggiungiangiamo  il brodo (bollente )  un po’ alla volta fino a fine cottura (18-20 minuti circa), girando di continuo il risotto durante la cottura.Mantechaimo con una noce di burro un po’ di parmigiano e serviamo con un po’ di yogurt greco

 

Primi piatti , , , ,

Informazioni su magie ai fornelli

Benvenuti tra i miei fornelli ! Ex stilista di moda,provengo da studi artistici,l'interesse per l'arte in tutte le sue forme non mi ha mai abbandonato ma anche l'amore per l'arte culinaria ha avuto il suo corso fino a diventare cuoca in affitto e poi foodblogger, dando vita a Magie ai fornelli. La mia è una cucina "tradizionalmente moderna" dove si intrecciano gusto e creativita' attraverso una ricerca e selezione di prodotti e materie prime dello spendido territorio italiano e soprattutto Campano che impiego nel dolce,nel salato e nei lievitati. Nutro un grande rispetto per la tradizione ma non disdegno di sperimentare accostamenti e sapori nuovi, inoltre ho una forte debole per il vegetale e l'esotico,partecipo ad eventi e programmi televisivi.Insomma ... magicamente sono un po' ovunque con le mie alchimie di cucina !

Precedente La zuppa inglese Successivo Canestrelli